FREDDA PARTITA

Buongiorno affezionati lettori , e come riporta il titolo di apertura , ieri a Bra in casa del Bandito si è assistito ad un’incontro “freddoloso” sia sugli spalti (con un vento gelido a schiaffeggiare le guance) sia in campo tra le fila dei nostri beniamini.
 
Nota positiva il ritorno “fisico” in panchina del nostro Comducator mister Zaino , che da subito fa sentire il suo più che vicino apporto ai giocatori.
 
Parte il “nostro” con il suo credo tattico : 3-5-2.
In porta Petrushji, Telamone-Iaconiello-Fenoglio(c), Forgia-Chiappero-Dao-Rinaudo-Costa, Bordino-Dacosta . In panca : Dalmasso , Luani , Bergesio , Lingua , Dalbesio , Tola , assenti per infortunio Martino , Bruno , Gullino .
Si parte subito con l’acceleratore a manetta e già dopo pochi minuti nitida palla-gol per i nostri , ma calcia alto Alex.

Passano sul cronometro pochi giri di lancetta e l’Olimpic va in gol.

Palla da Dao per “Rino” Nicolo’ , questi quasi da metà campo alza lo sguardo vede il portiere posizionato all’altezza dell’area piccola , fa partire un bolide che impatta sulla traversa ritorna in campo (sulla schiena del numero uno avversario) sopraggiunge come un falco Bordino e di piatto appoggia in rete , 1 a zero.
25^ sempre della prima frazione di gioco ed i gialloblù raddoppiano.
Azione dei nostri con a cercare alto sulla destra Dacosta , ottiene la palla , tira di primo istinto un pallone che prende la direzione della sinistra bassa della porta “Banditesca” , si butta ad intercettare il portiere , ma nulla può , anche complice una pronta deviazione d’istinto ( ma la palla aveva già preso la strada del gol) del nostro , oggi piratesco , Bordino, 2 a zero.
Sempre nel primo tempo da segnalare una bella punizione da fuori area a girare sul palo più lontano da parte di Rinaudo e , una traversa insidiosissima per gli avversari .
Si va al riposo al rientro nella seconda fase di gioco le sostituzioni vengono eseguite dal Mister con Dalbesio per Bordino (25″ s.t.) , Tola per Dacosta (30″S.t.) Lingua per Chiappero (30″S.t.) ma quello che si vede nella seconda fase di gioco è un’altra partita.
Mister Zaino , allenatore che la sua fama lo precede proprio per quello che riesce a leggere un’attimo prima che venga fatta ogni qualsiasi giocata , dopo pochi minuti del secondo tempo esprime senza equivoci di interpretazione il proprio pensiero, rivolgendo a voce alta a tutti i suoi uomini in campo ( ed anche per quelli in panchina ) che il gioco espresso non è frutto del suo insegnamento , e di ricordarsi da dove proviene il loro essere giocatori in campo .
Totale approvazione Mister , “si spegne la luce” in campo , non si gioca più per reparti , forse si pensa di avere di fronte un’avversario non all’altezza , facile portare a casa il risultato , ed allora ognuno prova a fare l’azione personale che più gli garba , per alcuni tiro al portiere da ogni parte per cercare la gloria personale , fare la giocata al compagno di reparto quando non se ne può fare a meno , dando palle impossibili da gestire , facendole diventare opportunità di gioco per l’avversario , dimenticandosi che un tiro fortuito da parte opposta con uno scarto minimo come quello di ieri con parecchio tempo di gioco ancora da svolgere può diventare fiducia ed ossigeno per il “nemico” e trasformarsi in ansia ed anidride carbonica per il nostro proseguo.
Chiedendo scusa al Mister per lo sfogo “cronistico” , è giusto ricordare che siamo sempre in testa ad un campionato fino ad ora splendido , ma proprio per questo incorniciamolo come tale , sempre FORZA GIALLOBLÙ.

Domenica turno casalingo al Domenico Savio : Olimpic Saluzzo – Orange Cervere h 14,30