Olimpic Saluzo vs S.Chiaffredo 3 2

L’OLIMPIC VINCE IN RIMONTA


Bordino autore del goal vittoria

bordinoVince L’OLIMPIC , con una prova impostata sulla grinta , piuttosto che sul gioco fine a se stesso.Terreno in condizioni precarie , dovuto ad un alto “usaggio” del sito da parte dei vari incontri a susseguirsi nel fine settimana , ma non per questo si fanno intimorire le due compagini in campo , affrontandosi da subito , come già accennato in precedenza su di un livello più agonistico che tecnico.

Mister Veglia schiera gli undici : tra i pali Dalmasso , a difendere da dx Strumia , Quaglia , Iaconiello , Telamone (c) , in mezzo , sempre da dx , Dao , Parola , Rinaudo , DaCosta , alti , Bordino , Chiappero. Si accomodano in panca Palushj , Pedutti , Piccolo , Martino , Lingua , Tola , Barbero.
Inizio partita di studio , si gioca per reparti cercando di arrivare ad una conclusione che porti al gol.
Più determinati gli ospiti , conquistano il centro-campo , rendendosi pericolosi in un paio di occasioni , la seconda delle quali porta il loro centravanti  a tu per tu con Dalmasso , che con un proverbiale colpo di reni devia in angolo.

 

Forse questo serve da “sveglia” ai nostri , ed al 25′ del primo tempo arriva l’agognata rete.

 

Contropiede degli Oratoriani , da metà campo Rinaudo per Chiappero , questi trova il penetrante Da Costa , palla al piede salta letteralmente il portiere avversario ed insacca basso.

 

Palla al centro , passano 10 min. ed il S.Chiaffredo arriva al pareggio , con traversone dal centro per la loro ala destra che con un bel tiro al volo supera il nostro portiere , traversa piena che rimanda la palla in campo dove a porta vuota accorre il loro numero 9 , ed insacca di piatto .

 

Prima del riposo e’ da segnalare un brutto incidente di gioco che subisce il generoso Strumia.

 

In un contrasto aereo viene colpito involontariamente di nuca dall’avversario , riportando una ferita lacero-contusa al labbro superiore , che richiede l’immediata uscita dal campo con intervento dell’ambulanza , direzione pronto soccorso Savigliano.

 

Il nostro se la caverà’ con dieci punti di sutura , che se li sommiamo alla classifica dei “giallo-blu” li proietta decisamente in vetta.

 

Scherzi a parte un grande augurio di pronta guarigione ed un forte abbraccio da tutto il movimento OLIMPIC al nostro Davide.

 

Si ritorna in campo con la sostituzione evidente di Pidutti per Strumia , ma L’OLIMPIC sembra ancora nello spogliatoio, ed infatti al 10′ del secondo tempo ecco arrivare puntuale il raddoppio da parte dei Buschesi.

 

L’OLIMPIC però sembra non subire più di tanto il colpo , si porta subito in attacco , mantenendo la palla nella loro tre-quarti , e questo tipo di atteggiamento porta i suoi frutti.

 

Al 20′ arriva da Dao per Parola un pallone calibrato sul suo piede dx , questi di contro-balzo lascia partire un fendente da fuori area a cui nulla può il portiere , 2 pari.

 

Continua a macinare gioco l’ Olimpic , alla mezz’ora , Mister Veglia , chiama in panca Parola , autore del pareggio e lo va’ a sostituire con il pari reparto Martino .

 

Siamo al 38′ quando arriva il meritato vantaggio.

 

Corner dalla sinistra per i nostri , che nel frattempo affrontano gli avversari rimasti in dieci per espulsione del loro centrale , azione di batti e ribatti in area piccola loro , si affaccia in attacco anche Iaconiello , per sfruttare i suoi centimetri di altezza , colpisce , respinge il portiere , accorre di “rapina” bomber Bordino , insacca la rete del tre a due , per una vittoria voluta con il cuore più’ che con la testa.

 

Giusto comunque l’atteggiamento dei ragazzi , e quando dico ragazzi , mi riferisco sempre in assoluto a tutto il gruppo , cioè , i 21 componenti della “rosa”.

 

Non smetterò’ mai di ribadire che il risultato finale di ogni singola partita e , specialmente quello definitivo di stagione lo si potrà ottenere solo con il contributo di tutti , perché per ogni partita che si gioca , gli undici in campo saranno importanti e determinanti solo con l’aiuto dei 21 , pronti ad entrare in gioco , tutti nella stessa direzione , e come obbiettivo la MEDAGLIA finale.

 

Alla prossima.

 

CR58.