Gallo vs Olimpic Saluzzo  0-6


Signori , cosa dire , non esistono più aggettivi per identificare il momento positivo dei nostri..vogliamo chiamarli “gladiatori”? Si , ci può stare .

Non è enfasi , ma bensì constatazione , giustamente stiamo con i piedi per terra perché , come sempre dico , il bello deve ancora venire ( leggasi Roero) , e finalmente , si finalmente domenica ci si incontra .
Quindi , concentrati e pronti alla sfida che sancirà il valore della categoria.
Ma veniamo alla partita vera e propria di ieri.

Senza sminuire l’entità dell’ avversario , in campo e’ stato un’assolo di musica e solfeggio gialloblù .

Si gioca sul sintetico a Gallo d’Alba , campo al limite della regolarità ( sia per le misure del perimetro di gioco , sia per la qualità del materiale plastico , ormai obsoleto )
Mister Zaino imperterrito al suo credo 3-5-2 schiera: Petrushij ,  Iaconiello Telamone Fenoglio(c) , Costa Lingua Rinaudo Martino Forgia , Bordino DaCosta , in panca : Dalmasso , Tola , Dalbesio , Dao , Gullino , Strumia , Bruno.
Pronti via e subito si presenta L’OLIMPIC , sei minuti e Rinaudo effettua un fallo laterale che come al solito si trasforma in un corner , raggiunge il secondo palo della porta avversaria dove un’imperiale Iaconiello di testa gira in porta.
Giocano i nostri , tutti coesi e corali , palla a correre per triangolazioni e tocchi di fino ed al 30″ P.t. capolavoro balistico di esterno destro sotto la traversa da parte di Martino.
Riposo , II^ tempo , ma la musica non cambia , anzi , sale in cattedra il bomber Bordino , che nello svolgere di 10 minuti mette il sigillo d’autore sulla terza,quarta,quinta rete , dopodiché mister Zaino gli concede il meritato riposo e , al 12″del secondo tra una standing ovation del pubblico lascia il posto ad un’intrepido Dalbesio , che conscio del proprio ruolo entra e con determinazione cerca ed ottiene la sesta rete , esattamente al 35″ del secondo tempo.
Sempre per la cronaca al 10″ s.t Iaconiello esce per il giovane Gullino ed al 20″s.t. Costa viene sostituito da Bruno .
Ma , quello che è importante , lasciatemelo dire e’ quello che si è visto ieri .
11 in campo , ma 18 giocatori uniti , pronti a scattare dalla panchina ad ogni gol dei compagni , più uno in tribuna , acciaccato, a soffrire come non mai ( vero Chiappe?).
Perché questi risultati si possono ottenere solo grazie alla voglia di esserci e di sacrificare il proprio tempo , specialmente per chi scende meno in campo la domenica , ma dando il suo apporto sempre in allenamento e facendosi trovare pronto alla chiamata .
E questo lavoro e’ opera indiscussa dell ‘ esempio di voglia di fare di mister Zaino.
Grazie “Gladiatore” Massimo Decimo Meridio.
CR58 .