Senza paura: questo il motto del fine settimana.

Inizia con il pareggio (rammarico) della Juniores contro il Pro Dronero il weekend di coraggio Gialloblu.

In vantaggio per 3 a 1, ci facciamo rimontare fino al pareggio.

Una prova di orgoglio per i ragazzi che, guardando la classifica dal basso verso l’alto, non mollano niente e sono campioni di determinazione, voglia e dedizione. La prima vittoria non arriva ancora, ma la strada è quella che ci piace ed è quella giusta. Al di là del risultato, è ammirevole quanto questo gruppo ci creda e abbia voglia di migliorarsi.

Questa spinta è arrivata alla Prima Squadra, in campo contro la capolista Monregale Calcio, ancora imbattuta: una macchina da gol con la miglior difesa del campionato.

Partita difficile, ma preparata con cura nei minimi dettagli: e con tanta fame di far bene.

Il primo tempo si chiude sullo 0 a 0 e negli spogliatoi si sente la voglia di tornare in campo, decisi e quadrati, affamati. Il Monregale dimostra di meritare la vetta, si lotta su ogni pallone, gli spazi sono pochi, ma non molliamo un centimetro.

Servirebbe un episodio… Alla mezz’ora del secondo tempo, calcio di punizione dal lato corto sinistro dell’area di rigore. Dalla panchina Mister Calvetti chiama lo schema, se lo sente… Rosso ascolta e calcia diretto in porta sul primo palo: e siamo in vantaggio! Dobbiamo resistere un quarto d’ora alla reazione monregalese. E ce la facciamo, o quasi…

Nei minuti di recupero, il delirio.

Manca 1 minuto e mezzo alla fine dei 5 minuti di recupero. Punizione a 2 in area per gli ospiti a causa di una nostra perdita di tempo su un rinvio. L’area di rigore si fa rovente, per il Monregale è l’ultima occasione per pareggiare. E pareggia con un gran tiro di Lanfranco, gran bel gol davvero.

Rammarico, sconforto, delusione: NO!

Si sente un urlo: NON E’ FINITA! DAI!

Così ci crediamo. Battiamo ma perdiamo subito palla. Pressiamo alti, altissimi, non vogliamo pareggiare, vogliamo i 3 punti.

Bordino riceve da Marku, la passa a Rosso defilato sulla sinistra… La difesa del Monregale è tagliata fuori. Rosso vede con la coda dell’occhio arrivare come una furia Cischino sulla destra…

E’ un attimo. Il pallone di Rosso taglia tutta l’area… Cischino arriva per primo…

Fiato sospeso.

Poi il fiato esce con tutta la forza che ha. Cischino l’ha messa. In extremis. La panchina vola in campo e fuori il gelo di dicembre non si sente più. Non c’è neanche più il tempo di riprendere il gioco, l’arbitro fischia la fine.

Una prova di coraggio, contro i migliori. Una prova da vero cuore GialloBlu.

GRANDI RAGAZZI!