Gentili lettori eccoci qui a raccontare di una partita che per soli 5 minuti non si è trasformata in apoteosi.

Che fosse un impegno difficile (il Cuneo, ricordiamo,può contare su elementi frutto di una rigida selezione) lo si sapeva, ma si sapeva anche che i ragazzi erano carichi e che ci tenevano a fare una bella figura davanti a coloro che sono indubbiamente una delle compagini più forti della provincia (se non, in assoluto, la più forte).

Ma veniamo alla cronaca: Mister Caramia (oggi “supportato” dall’altro Mister Palumbo e dall’accompagnatore Rosso) schiera nel primo tempo Pagano, Rosso, Menzio, Bonetto, Palumbo, Olivero, Rorer, con le “riserve di lusso” Lombardo, Quattrocchio e Druetta.

Si capisce subito di che pasta sono fatti i nostri ed infatti la prima occasione capita sui piedi di Olivero all’ 8° minuto, che con un bel destro da posizione defilata impegna il portiere del Cuneo; bisogna aspettare l’11° per vedere gli “ospiti” nella nostra area, ma è un’occasione clamorosa, con il palo colpito con un tiro improvviso dal limite; la partita prosegue con una lotta fervida a centrocampo e poche occasioni da una parte e dall’altra, ed un tiro al 18° a fil di palo, è l’unica occasione lasciata alla compagine cuneese.

Si comincia il secondo tempo con Druetta al posto di Palumbo, Lombardo per Rorer e Quattrocchio per Menzio; gli oratoriani hanno più “fame” ed infatti al 3° minuti subito la prima occasione per Lombardo, ben parata dal portiere. La grinta non manca e si vede, malgrado il caldo che il sintetico di Verzuolo sicuramente enfatizza, i nostri ragazzi sono determinati e consci che ce la possono fare (Leicester insegna); siamo all’8° quando grazie ad un perfetto contropiede, Olivero si trova la palla buona sul destro ma calcia incredibilmente male, sembra finita l’azione, ma Bonetto ci crede, recupera, salta un avversario, e con un destro nel sette segna un fantastico gol! Strameritato il vantaggio per quello che si è visto in campo fino ad ora.

Il gol “sveglia” gli ospiti che cominciano a fare quello che meglio sanno fare, la palla gira tra i loro piedi, i nostri corrono e si stancano, e si comincia ad assistere ad un vero e proprio assedio; al 10° è Pagano che salva in angolo tuffandosi sulla sua sinistra, ed al 12° un tiro a fil di palo fa tremare gli spalti. I ragazzi sono stanchi e mister Caramia prova a buttare dentro nuovamente Palumbo ma l’assedio porta i suoi frutti al 15°, quando il numero 4 del Cuneo si libera di Quattrocchio a centro area e lascia partire un sinistro fulminate all’angolino. Le occasioni per pareggiare ci sarebbero, perchè i ragazzi del Cuneo attaccano con 5 elementi, ma le idee ormai sono offuscate dalla stanchezza. Gli ospiti vedono che la loro “preda” è in difficoltà, continuano ad attaccare senza sosta e pervengono al vantaggio al 18° con un bellissimo uno/due che porta il loro attaccante solo davanti alla porta.

E’ la mazzata definitiva che spegne le speranze (e la grinta) dei nostri ragazzi, che lasciano le redini del gioco in mano ai cuneesi che si affacciano ancora in area al 19°, Pagano salva di piede.

Per quanto si è visto sul campo, il risultato è sicuramente corretto e ci rende onore, ma sognare è sempre lecito e con questa squadra abbiamo visto che spesso i sogni si riescono a realizzare.

La cronaca in questi casi è di rigore, ma permettetemi di “uscire dal seminato” e di elogiare in rigoroso ordine sparso:

– i mister: che stanno facendo un lavoro EGREGIO spinti soltanto dalla voglia di vedere questi ragazzi divertirsi (e se possibile vincere) e di creare il gruppo che dovrà tenere alto l’onore gialloblù tra qualche anno;

– i ragazzi: che in ogni partita danno il cuore e l’anima e che oltre che compagni di squadra sono anche amici;

– i genitori: che anche ieri, malgrado l’orario “lavorativo” si sono presentati in gran numero sugli spalti di Verzuolo per tifare la loro squadra, ed anche i ragazzi che hanno giocato le partite successive;

– la società: che malgrado alti e bassi, critiche (giuste o meno, ma quando ci sono così tante squadre in ballo, è difficile accontentare tutti) ed elogi, ha portato 3 (e dico 3!) squadre nelle semifinali di un torneo provinciale (a proposito, complimenti vivissimi anche a mister Fasano, mister Matta, mister Dagatti e mister Malandra che li hanno portati a questo traguardo).

Domenica 8 maggio tutti a Busca a tifare ancora GIALLOBLU’!