Allievi Fascia B 2002: A punteggio pieno dopo quattro incontri.

Partita ostica, dura e nervosa, quella disputata nel secondo turno infrasettimanale dall’Olimpic Saluzzo 2002 e valevole per la prima giornata di ritorno del quadrangolare di qualificazione ai Regionali per gli Allievi Fascia B (girone 28), martedì 19 settembre a Boves. Vinta con più fatica del previsto, forse, ma vinta per 2 a 0 dai gialloblu di mister Fasano.

Decimati da infortuni e problemi vari (Minja e Primolo fuori per problemi fisici, ai quali si è aggiunto El Barkaoui nel riscaldamento, De Tullio per squalifica), con Montano, Piacenza e Ghirardotto in campo in condizioni certo non ottimali, i saluzzesi dovevano vincere prima di tutto la convinzione che si trattasse di un match facile. Dopo il 10 a 1 perentorio subito all’andata a Saluzzo, infatti, il Boves ha con abilità resettato tutto, ripartendo molto bene, prima sfiorando l’impresa contro il Pedona (0-2 nel finale), poi vincendo 3-1 a Collegno.

Il perché di questo repentino cambiamento si è capito sin dai primi minuti dell’incontro con l’Olimpic: difesa arcigna, con 11 giocatori nella propria metà campo, a togliere spazio alla velocità degli attaccanti gialloblu, privati di quelle ripartenze che ne costituiscono la migliore qualità. Il Boves, infatti, attacca con il contagocce, concludendo verso la porta di Zaje un paio di volte in tutto l’incontro e senza centrare lo specchio. Grinta, giusta cattiveria agonistica, entrate talvolta dure, poco sanzionate da un arbitraggio incerto, hanno completato il quadro. Per contro, l’Olimpic non ha fornito una delle sue migliori prove, soprattutto nel primo tempo, con troppi uomini in non perfette condizioni fisico – atletiche.

Prima frazione costantemente all’attacco per i saluzzesi, ma priva di grosse emozioni: con 11 uomini davanti è difficile trovare la via della porta, se non su calcio di punizione: ci prova prima Piacenza, da 40 metri, altro di un soffio; quindi Colacchio, dal limite, traversa e tap-in di Piacenza sul fondo. Palo di Sellini da fuori area, dopo azione d’angolo al 19’, quindi, al 24’, altra punizione di Colacchio, da oltre 30 metri, e palla nel sette per il vantaggio dell’Olimpic. Prima della fine del tempo seconda conclusione di Sellini da buona posizione, fuori.

Al 39’ controverso episodio al limite dell’area saluzzese: saltano Piacenza e Dotta, il centravanti avversario, per contendersi un pallone: il numero 9 di casa colpisce (involontariamente) con il gomito il numero 5 dell’Olimpic, al quale spunta sul sopracciglio una pallina da ping-pong… ma l’arbitro assegna punizione al Boves: lo stesso Dotta conclude di poco alto. Piacenza, stoicamente, rientra in campo nella ripresa, ma dopo 10 minuti deve abbandonare la contesa per la botta ricevuta.

Secondo tempo più sereno per l’Olimpic, che attacca con maggiore continuità e precisione, ma il clima si innervosisce fra i giocatori in campo. Al 5’ Manni, ancora su punizione, calcia di poco alto sulla traversa. Al 15’ Montano salta un paio di avversari, entra in area e viene affrontato da tre difensori che lo chiudono e lo fanno cadere: l’arbitro, vicinissimo, decreta il rigore fra le proteste vivacissime dei giocatori di casa. Manni insacca spiazzando Candela.

Tre minuti dopo l’azione più bella del match: Calzia, sino a quel momento costantemente fermato dalla difesa di casa, fugge sulla destra, vanamente inseguito da tre avversari che non riescono a bloccarlo. Sul cross al centro Montano fa da sponda per l’accorrente Colacchio, che stoppa magnificamente eludendo un avversario e conclude dal dischetto: portiere da una parte e pallone… a lato di un niente.

Fallito il 3 a 0, riassestata la difesa con Boggetti al centro, Ghirardotto che lotta nonostante il dolore alla spalla (con un braccio bloccato alla Beckenbauer…) e un Verano impeccabile, sia in copertura che in appoggio, con l’aggiunta nel finale di Casagrande per una linea a 4, l’Olimpic non corre rischi e porta a casa un successo meritato.

La squadra di mister Fasano è sempre in testa al raggruppamento, a punteggio pieno (12), seguita dal Pedona, ieri vittorioso a Collegno per 4 a 2, con 9 punti. Per assicurarsi i Regionali occorrerà vincere il prossimo match in casa con il Collegno Paradiso e almeno pareggiare l’ultima, decisiva partita di Borgo San Dalmazzo.

Tabellino.

Reti.

Pt.:22’ Colacchio;

S.t.: 16’ Manni (rig.).

Amm.: 30’ p.t. Cavallo (B) ; 15’ s.t. Risso (B); 23’ s.t. Colacchio (O).

BOVES MDG.

All. Stefano Cerruti.

Naccarato (1´ s.t. Candela), Bevacqua, Meineri (35´ s.t. Filippi), Comba, Risso, Cavallo, Isoardi (15´ s.t. Gerbaldo), Giacopinelli, Dotta (1´ s.t. Novali), Eterea (40´ s.t. Vincis), Destefano (30´ s.t. Giraudo).

Olimpic Saluzzo.
All. Egidio Fasano.

Zaje; Verano, Ghirardotto, Piacenza (11’ s.t. Abrate); Cetera, Sellini, Boggetti, Colacchio, Manni (40’ s.t. Alberti); Montano, Calzia (33’ s.t. Casagrande).

A disp.: Roca, Nikollaj, El Barkaoui.