Allievi Fascia B 2002: Vittoria importantissima e sofferta.

I numeri a volte ingannano: se ci si ferma a quanto annotato sul taccuino del cronista, infatti, la partita disputata dall’Olimpic Saluzzo (e vinta per 5 a 2) sul campo del Collegno Paradiso non ha avuto storia. 20 nitide occasioni da rete per gli ospiti, oltre ai cinque gol segnati, contro quattro (due delle quali finalizzate con il gol) per la squadra di casa. L’Olimpic ha anche colpito tre legni (con due tiri) e messo quattro volte un uomo solo davanti al portiere avversario (bravissimo).

Ciò non descrive però con sufficienza un primo tempo molto sofferto dai gialloblu, trascorso quasi interamente nella metà campo avversaria, ma con una porta che pareva stregata.

Si gioca con un sole basso sull’orizzonte e un vento molto forte e fastidioso che cambia la direzione dei palloni alti, ingannando spesso i giocatori. L’Olimpic fa la partita sin dall’inizio e attacca, anche se, forse, con meno grinta del solito: grinta che non difetta invece alla squadra di casa, una mista 2002 e 2003, con molta corsa e due eccellenze, il portiere Pipino e il numero 11 Viancino, che tocca tre palloni, due li mette in rete e uno di poco fuori.

Al 7’ una palla persa a centrocampo dall’Olimpic si trasforma in contropiede micidiale, che Viancino conclude in rete sul primo palo per il vantaggio del Collegno Paradiso. L’Olimpic sembra subire il colpo, ma comunque reagisce e comincia a creare un numero impressionante di palle gol, che però non si concretizzano per scarsa precisione o per la bravura dell’estremo difensore avversario, che ipnotizza prima Calzia poi Montano, respingendo due conclusioni da distanza ravvicinata e a colpo sicuro. Manni colpisce la parte alta della traversa, Boggetti e Sellini concludono sul fondo; Piacenza alza di poco la mira di testa; Montano viene nuovamente stoppato da Pipino che gli si getta nei piedi, togliendogli la sfera.

Quando il tempo sembra destinato a terminare con il vantaggio della squadra di casa, Calzia, che gioca nonostante la febbre, in due minuti capovolge il match: al 38’ si getta su lancio di Manni e, per sicurezza, questa volta scarta Pipino, prima di depositare in rete il pallone del pareggio. Al 39’ il passaggio profondo è di Colacchio: Calzia si invola sull’out di sinistra, entra in area e realizza infilando tra palo e portiere. Al 40’ Viancino ha il pallone del pareggio, ma tira di poco sul fondo.

La seconda frazione inizia sulla falsariga della prima, con l’Olimpic in attacco a sfiorare ripetutamente il gol: al 2’ Calzia alza di poco una punizione; al 3’ Colacchio è bloccato da Pipino; al 4’ splendido pallonetto di Manni: la palla batte sulla parte bassa della traversa, tocca il palo ed esce! Al 5’ Sellini conclude bene da ottima posizione, il portiere avversario para.

Un minuto dopo la svolta del match: Montano, in area, scavalca Pipino con un pallonetto, ma quest’ultimo gli rovina addosso; l’arbitro, senza esitazione, decreta il rigore. L’estremo difensore avversario ha la peggio nello scontro e deve lasciare il campo. Primolo spiazza con sicurezza il nuovo entrato Lombardu.

Due minuti e Manni si ripresenta da solo in area, siglando la quarta rete con un rasoterra nell’angolo.

Partita virtualmente chiusa: l’Olimpic non smette di attaccare, anche grazie alla verve del nuovo entrato De Tullio e non corre alcun rischio in difesa. Si contano ancora quattro conclusioni pericolose a rete degli ospiti, prima che Montano, lanciato direttamente dalla rimessa laterale di Casagrande, si faccia mezzo campo in velocità, per siglare con un gran destro il 5 a 1.

Nel finale gli ospiti comprensibilmente si rilassano, anche se De Tullio ha la palla del 6 a 1, ma Lombardu, al minuto 31, respinge il tiro ravvicinato. Il Collegno invece si riaffaccia in avanti: prima Zaje devia in angolo una conclusione pericolosa di Zavarone, poi Viancino, infilandosi con forza fra i centrali della difesa avversaria, batte per la seconda volta il portiere dell’Olimpic in uscita, per il 2-5 conclusivo.

La classifica del quadrangolare vede ora appaiate in testa a sei punti Olimpic e Pedona, che si affronteranno sabato prossimo al Don Bosco, in un incontro, se non decisivo, quasi.

Tabellino.

Reti.

Pt.: 7’ Viancino (C); 38’ e 39 Calzia (O);

S.t.: 7’ Primolo (O) rig.; 9’ Manni (O); 27’ Montano (O); 36’ Viancino (C).

Amm. Giubergia (C) al 2’ s.t.

Collegno Paradiso.

All. Ettore Penna

Pipino (6’ s.t. Lombardu); Penna, Fazzolari, Giubergia, Nardecca, Daddetta; Carbone, Rizzo (9’ s.t. Ferrigno), Buoncompagni; Zavarone, Viancino.

A disp.: Di Pasquale.

Olimpic Saluzzo.
All. Egidio Fasano.

Zaje; Primolo, Verano (26’ s.t. Casagrande), Piacenza; Cetera (11’ s.t. Abrate), Sellini, Boggetti, Colacchio, Manni (14’ s.t. De Tullio); Montano (28’ Bonagemma), Calzia.

A disp.: Roca, Nikollaj.